I fertilizzanti per le piante: come usarli

L’uso dei fertilizzanti per la cura delle piante richiede una particolare attenzione: è importante infatti evitare errori che possono non solo danneggiarle, ma anche inquinare il terreno.
Per questo motivo è meglio scegliere un ammendante di matrice organica, oltre a sapere il momento migliore in cui distribuirlo e in quali quantità.

Il dosaggio

Per non incorrere in errore, è bene sapere che su ogni confezione di fertilizzante organico deve essere indicato il dosaggio d’impiego per metro quadrato di superficie o per litro di acqua di bagnatura, se il prodotto è liquido o idrosolubile, nel caso delle piante per vaso o per singola pianta.

È importante seguire attentamente le istruzioni e non andare “a occhio”, perché si potrebbe eccedere o scarseggiare con l’ammendante, con un conseguente spreco di prodotto, ma soprattutto il rischio è di non dare il giusto apporto di nutrienti efficace per avere una risposta attesa.
Non solo, nel caso specifico di eccesso di fertilizzante, si potrebbe verificare un accumulo nel tempo di un determinato componente, alterando le caratteristiche originarie del terreno e rendendolo “inospitale” per alcune piante.

Per le piante in vaso, dove il terreno è confinato in uno spazio molto ristretto, fertilizzare è importante perché consente di apportare nutrienti a un terreno che può essere esaurito e incapace di sostenere lo sviluppo della pianta. Non solo: i continui dilavamenti dovuti alle bagnature spesso eccessive con accumulo di grande quantità d’acqua nel sottovaso spesso impoveriscono il terreno. L’ideale è intervenire in questi casi con un buon terriccio di qualità e un ammendante organico.

L’ammendante compostato misto Bio Vegetal è un’ottima soluzione per ristabilire le condizioni ideali per lo sviluppo dell’apparato radicale, apportando al terreno batteri preziosi, sostanza organica e nutrienti. Il dosaggio e il periodo di fertilizzazione saranno ovviamente diversi a seconda della tipologia delle piante.

Rose e arbusti

Per le rose e gli arbusti bisognerà prestare attenzione al fatto che queste tipologie di piante necessitano di più somministrazioni durante l’anno, mentre i sovradosaggi possono portare nei fiori chiari alla comparsa di striature colorate non riscontrate nelle precedenti annate.

Piante perenni in giardino

Per questo tipo di piante, la fertilizzazione va eseguita in primavera, per avere le migliori condizioni per le fioriture e utilizzando i fertilizzanti organici, come il Bio Vegetal.

Le annuali

Le piante annuali necessitano di fertilizzazioni continue, anche se non troppo abbondanti, utilizzando nella prima fase di sviluppo un prodotto ricco di azoto, per favorire la crescita della struttura e, successivamente, un prodotto per piante da fiore, più ricco di fosforo, potassio e microelementi, in modo da garantire una colorazione intensa.

x

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza i cookie.